Consigli utili per atleti (quasi) perfetti!

LA FRUTTA SECCA

La frutta secca è un piacere a cui è difficile resistere, l’idea perfetta per spezzare la fame o per ricaricarsi in un momento di calo energetico ma, come tutte le delizie del palato, ha un “difetto”: contiene molte calorie.
Un consumo moderato di frutta secca fa bene al nostro organismo?
Un consumo moderato può far bene al nostro organismo perché si tratta di alimenti che contengono una buona percentuale di grassi “buoni” che aiutano a mantenere bassi i livelli ematici di colesterolo bassi, inoltre hanno anche una buona percentuale di fibre.

Qual è la quantità consigliata?
Consumare ogni giorno una piccola razione di frutta secca come arachidi, mandorle, noci, nocciole, pinoli, pistacchi o anacardi può essere molto utile perché sono fonte di nutrienti essenziali per la dieta quotidiana. Le alte concentrazioni di proteine (fino al 20%), minerali, acidi grassi e amminoacidi li rendono assolutamente insostituibili. Il consumo quotidiano dovrebbe essere di circa 10 gr per chi è a dieta e di circa 20 gr per chi non è a dieta.

(dott.ssa Maria Rosaria Maugeri)

14/04/2019

PARLIAMO DI FIBRE

In nutrizione, prende il nome di fibra alimentare, o fibra, tutto quell'insieme di sostanze organiche appartenenti alla categoria dei carboidrati (salvo rare eccezioni), che l'apparato digerente umano, con i suoi enzimi digestivi, non è in grado di digerire e assorbire.
Le fibre alimentari si ritrovano soprattutto in alimenti che hanno un'origine vegetale, come la frutta, la verdura, i cereali integrali e i legumi.

Quali sono le funzioni della fibra!?
☝️
Regolarizza la funzione intestinale, opponendosi a disturbi come stitichezza, emorroidi e diverticolite;
☝️
Interferisce con l'assorbimento dei lipidi (acidi grassi e colesterolo) e dei glucidi (ossia gli zuccheri), risultando un validissimo alleato nella lotta all'obesità e alle malattie sostenute dal mancato controllo della glicemia, della colesterolemia e/o della trigliceridemia, come il diabete mellito, le coronaropatie, l'aterosclerosi, il colesterolo alto e l'ipertrigliceridemia;
☝️Velocizzando il transito intestinale,
riduce il tempo di permanenza nell'intestino delle sostanze tossiche per la mucosa intestinale, il che ha un effetto protettivo nei confronti del tumore al colon e del tumore al retto;
☝️
Favorisce il mantenimento di un pH intestinale che deprime la crescita di quella flora batterica intestinale nociva, la cui attività è fonte di metaboliti notoriamente associati allo sviluppo dei tumori di colon e retto; parallelamente a ciò, incentiva la crescita di quella flora batterica intestinale benefica (effetto prebiotico), con effetti protettivi nei confronti della mucosa dell'intestino;
☝️Provocando una sensazione di pienezza,
aumenta il senso di sazietà, il che contribuisce a un miglior controllo del peso corporeo e alla lotta al sovrappeso e all'obesità.

Per poter trarre vantaggio dagli effetti benefici della fibra alimentare, l'apporto giornaliero raccomandato di quest'ultima, attraverso la dieta, dovrebbe essere pari a 30g/die.

(dott.ssa Maria Rosaria Maugeri)

07/04/2019

LE BEVANDE DOLCI FANNO INGRASSARE?

Perché le bevande dolci fanno ingrassare?
I ricercatori sostengono che le calorie (in particolare da zuccheri, in questo caso) assunte tramite i liquidi inducono un minore senso di sazietà rispetto alle stesse calorie introdotte in forma solida. Questo perché, a causa del rapido transito dei liquidi nello stomaco e nell’intestino, le bibite zuccherate inviano al corpo segnali di sete e di fame non corrispondenti all’effettiva assunzione calorica.
In pratica, anche se ne beviamo un bel bicchiere continueremo ad avere fame e sete come prima ma nel frattempo abbiamo introdotto molti grammi di zuccheri che poi verranno stipati dall’organismo sotto forma di grasso.

Quante calorie ci sono nelle bibite zuccherate (e negli altri alimenti)?
Una classica CocaCola media che accompagna spesso il nostro pasto fuori casa introduca nell’organismo ben 210KCal. La stessa quantità di Fanta invece ha 195KCal, mentre un tè freddo industriale apporta 135KCal. Sono numeri impressionanti se si pensa che, per esempio, 100g di salmone contengono 137KCal e un etto di fettuccine (senza condimento) 142KCal.
In pratica
questo vuol dire che una pasta al salmone apporta le stesse calorie di una CocaCola media. Ma quale delle due vi sazia di più? Senza contare ovviamente che le calorie della coca derivano solo dallo zucchero, mentre nella nostra buona pasta abbiamo carboidrati, proteine, acidi insaturi, fibre…
Conclusioni:stando ai risultati di questo studio non c’è altro da fare che mettersi il cuore in pace: le bibite zuccherate fanno ingrassare.
Meglio allora optare per una salutare centrifuga di frutta fresca o un bel bicchierone d’acqua con due fettine di limone per togliersi la sete. Una volta disabituati alle bevande zuccherato non riuscirete più a berle per quanto vi sembreranno esageratamente dolci e frizzanti. Magari gli amici vi guarderanno con aria un po’ perplessa vedendovi accompagnare la pizza con acqua e limone, ma voi potrete dire con fierezza che avete letto un bell’articolo che spiega, dati alla mano, che le bevande zuccherate fanno davvero ingrassare e che eliminandole si può anche dimagrire, e non poco…
LO DICE LA Scienza!
Passaparola! (dott.ssa Maria Rosaria Maugeri)

31/03/2019

1 / 5

Please reload

ppg-piccolo.gif

REFINISH ITALIA

Campo sportivo di via Giacomo Brodolini, 4 - 20834 Nova Milanese (MB)

Codice Fiscale: 91130110157 – Partita Iva 08985710964

Iban: IT92T0503433460000000001545

© 2023 by Next2you